Blog

italian pizza italiana

Pizza italiana: candidata all’UNESCO come patrimonio culturale dell’umanita’

La pizza italiana è indubbiamente uno dei cibi piu’ noti, amati e celebrati nel mondo. Una semplice focaccia con pomodoro e mozzarella puo’ essere un ottimo spuntino o anche la soluzione perfetta per una serata da concludere al cinema con gli amici. La pizza italiana e’ adesso candidata a diventare addirittura patrimonio culturale dell’UNESCO.

La decisione è stata infatti presa dalle Commissioni Nazionali lo scorso marzo, e mira a riconoscere l’autenticità della vera pizza napoletana. Questa e’ stata infatti “minacciata” dalle diverse versioni straniere (basti pensare alla pizze che si mangiano a New York, con pollo teriyaki o kebab) mentre, secondo gli italiani, la vera pizza e’ quella piu’ semplice possibile.
L’iniziativa è potenziata da una petizione che ha raccolto oltre 850.000 firme on-line in tutto il mondo. La campagna è iniziata in Italia, utilizzando l’hashtag #PizzaUnesco, e ben presto si e’ diffusa all’estero ottenendo consensi in Cina, Giappone, Islanda, Sud America e Arabia Saudita. E ‘stata promossa dal ristorante Rosso Pomodoro, aperto a Londra in luoghi diversi. Anche molti famosi artisti, hanno appoggiato l’idea; tra questi possiamo citare il regista italiano Gabriele Muccino, i comici Ficarra e Picone, e star internazionali come Amy Stewart, Gilberto Gil e Kelly Lang, e la nota Brooke della serie TV Beautiful.
La pizza è una parte fondamentale dell’identità culturale italiana. L’impasto, la cottura di una pizza tradizionale napoletana è infatti un mestiere, un’ “opera d’arte”, trasmessa di generazione in generazione. Secondo l’Associazione Reale Pizza Napoletana, la vera pizza napoletana deve avere una larghezza di massimo 35 centimetri e la sua crosta uno spessore massimo di 2 cm e, naturalmente, deve essere cotta nel forno a legna.

Puo’ sembrare un’ossessione degli italiani, ma in realta’ la pizza ha un profondo legame con la cultura e la storia d’Italia.
La sua origine risale alla seconda metà del XVIII secolo – o per lo meno, quella con mozzarella e pomodoro – tuttavia si tratta di una storia di cui e’ stato difficile tenere traccia; è certo, pero’, che la prima pizza Margherita fu cotta nel 1889 dal fornaio Raffaele Esposito. Questo fece tre diverse pizze in onore della visita del re Umberto e della regina Margherita di Savoia. Una di queste in particolare attiro’ l’attenzione della regina, per i colori uguali a quelli della bandiera italiana – il rosso dei pomodori, il verde delle foglie di basilico e il bianco della mozzarella. E’ questo il motivo per cui fu chiamata Margherita.

Non sarebbe comunque la prima volta che il cibo diventa patrimonio culturale dell’Unesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *