Blog

vegetarian vegetariano

Il mercato della carne rossa sta diventando sempre piú vegetariano

Secondo Euromonitor International, parallelamente all’aumento della popolazione mondiale e al diffondersi di uno stile di vita sano e vegetariano, anche il consumo di carne ha registrato un veloce incremento dal 2014 ad oggi. Solo il consumo di manzo e vitello sta diminuendo, in particolar modo negli Stati Uniti e’ sceso del 3%. Il consumo e’ diminuito anche in Australia, Europa, e Sud America, mentre invece e’ cresciuto in Medio Oriente, Africa e regioni dell’Asia nel Pacifico. Una delle ragioni di questa diminuzione in Europa e’ correlata alla paura dei consumatori riguardo agli effetti negativi del consumo di carne rossa sulla salute (disordini cardiovascolari, cancro al colon ecc).

Negli Stati Uniti i consumatori hanno iniziato a mangiare altri tipi di carne, come ad esempio maiale e pollo, che hanno registrato incrementi nel consumo rispettivamente dell’8 e del 5% rispetto allo scorso anno.

Una statistica pubblicata nel settembre 2014, condotta dall’impresa di ricerca Mintel, ha stimato che il 12% degli adulti in UK segue uno stile alimentare vegano o vegetariano, e che il 20% di questi ha eta’ compresa tra i 16 e i 24 anni. Inoltre, il 35% della popolazione e’ composto da persone che, pur mangiando carne, prediligono opzioni vegetariane e cercano fonti piu’ sostenibili di proteine – conosciuti come flexitariani.

Questo trend si riflette in un aumento di piatti vegetariani nei menu (secondo una ricerca condotta da M&C Allegra Foodservice , ben il 31% dei nuovi cibi introdotti nei menu ogni anno).

L’offerta di verdure non e’ finalizzata solo al soddisfacimento di una nicchia di mercato, ma sta diventando una vera e propria scelta strategica, fortemente influenzata anche dagli chef dei ristoranti stellati Michelin di Parigi e Londra, i quali sempre piu’ spesso sperimentano nuovi piatti vegetariani che, a breve, prenderanno posto anche nel mercato dei pub.

Il fornitore vegetariano e vegano Vegetarian Express ha condotto una ricerca su 300 consumatori nel febbraio 2015. Dai dati e’ emerso che piu’ della meta’ degli intervistati ritenevano che non ci fossero abbastanza piatti vegetariani nei menu, mentre un terzo di loro voleva vedere tra le cinque e le dieci opzioni possibili. Secondo Il managing director Will Matier, i pub dovranno adattarsi a questo trend, proponento piu’ scelte non solo come numero di piatti ma anche come qualita’ del cibo. Il 71% delle persone, infatti, vorrebbe vedere piu’ proteine presenti in piatti vegetariani, e il 63% opterebbe per i fagioli – un ottimo sostituto della carne, povero di grassi e privo di colesterolo.

Qualsiasi sia la motivazione che ha portato al cambiamento delle abitudini alimentari, gli esperti ritengono che questa tendenza continuera’. Con una domanda potenziale di consumatori, che vogliono evitare cibi carnivori, stimata attorno ai 20 milioni di persone, i pub dovranno rivedere seriamente la loro offerta, cosi’ come gli chef dovranno modificare i loro menu proponendo piu’ varieta’ e qualita’.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *